SAN CARLO: UN NUOVO CORSO ANCHE PER IL PARCHEGGIO?

IL 2 APRILE C’E’ STATO UN NUOVO INCONTRO COL DIFENSORE CIVICO E  IL NEO DIRETTORE GENERALE
dell’azienda, Massimo Barresi, promosso da Gianfranco Gallo, cronista di sanità e cittadino volontario che porta avanti questo tema ormai da diversi anni. E’ stato chiesto al neo direttore di mettere fra le priorità il fascicolo sull’organizzazione e gestione del parcheggio pubblico di pertinenza. Sono stati invitati il Sindaco di Potenza e il Difensore Civico. Il primo cittadino non ha partecipato e non ha inviato un suo delegato, il Difensore Civico era presente, accompagnato da un funzionario del suo ufficio. Il tema è ormai stato sviscerato in lungo e in largo e da molto tempo. C’è anche un esposto inviato alla Procura della Repubblica dallo stesso Gallo. E pare sia stato aperto anche un fascicolo dalla Corte dei Conti regionale. Ci sono state interrogazioni in consiglio regionale, in consiglio comunale, oltre alla convocazione di commissioni dedicate al tema. Ma nulla è cambiato e la politica si lascia scivolare addosso la questione. Quella zona è come se fosse privata e non sotto la giurisdizione del comune di Potenza. Nonostante la commissione comunale che si occupa dei regolamenti abbia preso atto e fatta propria la tesi che si tratta di un parcheggio a uso pubblico e che dovrebbe essere nelle more del regolamento comunale sui parcheggi. Invece piove sul bagnato: le cose sono peggiorate. Pagano tutti, anche quelli che secondo quanto detto e promesso dalle diverse amministrazioni sarebbero dovuti essere esonerati, oltre alle difficoltà per i disabili a trovare posti nei pressi degli ingressi. Una situazione cronicizzata che non trova la soluzione che in molti si aspettano. Eppure il Difensore Civico è stato chiaro: “così com’è strutturato e organizzato il parcheggio non risulta siano rispettate tutte le regole del codice della strada e le esigenze dei cittadini potentini e lucani: mancano le corrette comunicazioni, i posti liberi e si paga addirittura anche la notte negli stalli custoditi con le sbarre” Un piccolo ma aleatorio risultato è stato ottenuto. L’ufficializzazione del non pagamento lungo la strada che gira intorno all’ospedale dalle 21 alle 7 del giorno dopo. Ma poi si è scoperto fosse già così da prima, perché in realtà il controllo non c’era, probabilmente perché non conveniente. Ora, in attesa delle decisioni della magistratura, chi ritiene questa situazione oltraggiosa dei diritti degli utenti, spera in un cambio di passo della nuova gestione. E così si è manifestato il dottor Barresi durante l’incontro. Ha comunicato formalmente la sua volontà di voler capire bene lo stato dei fatti e di intervenire per sanare eventuali situazioni anomale. Per darne prova ha comunicato di aver provveduto a inviare una penale, la prima volta che è accaduto, alla ditta gestrice, in occasione di inadempienze durante le nevicate scorse, dopo aver nominato il dottor Pierpaolo Galli, Direttore Esecuzione del Contratto” “Restiamo vigili – ha detto Gallo – e speriamo che la nuova gestione mantenga la manifestata intenzione di dare un cambio di passo alle situazioni che richiedono un approccio più aderente alle esigenze dei cittadini e nel pieno rispetto delle regole”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti